Nuovi pozzi di acqua potabile per il Burkina Faso - 2013

Due pozzi di acqua potabile in Burkina Faso

Anche per questo Natale 2013, il CoBaPo – Consorzio Banche Popolari - di cui la Banca Popolare Valconca fa parte, ha finanziato il ripristino di due pozzi di acqua potabile in Burkina Faso, uno dei Paesi più poveri e diseredati della terra.

Siamo andati a gennaio '14 per controllare e inaugurare la riattivazione dei due pozzi che servono i villaggi di Solgomnore e Nintìnga, villaggi nella brousse più profonda dello Stato, a 200 km a Est della capitale, verso il Niger.

Nessuno viene qui, lo abitano da sempre coloro che qui sono nati, da generazioni e qui moriranno.

Qualche scuola elementare sta timidamente apparendo con piccole strutture improvvisate, forse alcuni bimbi (maschi) avranno un'opportunità, forse.

Il caldo è soffocante! Sono le 11 del mattino e già non si respira, almeno io... Ma anche i locali dicono che erano anni che non si aveva un "inverno" così caldo! Siamo sui 40/42 gradi di calore.

L'inaugurazione dei due pozzi, davanti ad un centinaio di persone avviene con un monito: "vogliate bene al vostro pozzo d'acqua, curatelo e non smanettate con la pompa, giocandoci!!" Monito quest'ultimo, rivolto dal costruttore del pozzo, specie ai bambini, che... ridono di gusto!

Ora sono al pozzo di Solgomnore, Villaggio di Ouabedi – (gps N 12.670467 W 000.386587).

L'acqua che viene su da 60 metri di profondità è buona e leggera! E' acqua fossile, lì da milioni di anni!

Finita la cerimonia di ringraziamento per il pozzo, all'ombra di un albero di karitè, ci salutiamo con grandi strette di mano a tutti e da tutti: dagli anziani ai bambini, con la promessa di ricordarci l'uno dell'altro, per sempre.

"Ora, nulla sarà più come prima, (Piccolo Principe) ora che ci siamo conosciuti!"

Waider Volta