ARCHEOLOGIA IN VALCONCA

ARCHEOLOGIA IN VALCONCA
Tracce del popolamento tra l'Età del Ferro e la Romanità

Angela Fontemaggi - Orietta Piolanti
Copyright ©1998 by Banca Popolare Valconca

La Valle del Conca, cui da tempo sono stati dedicati studi di carattere archeologico ed artistico, emerge da questo volume con alcune caratteristiche peculiari che ne connotano il volto fin dalle più antiche culture.

L'analisi dei siti e delle testimonianze configura il territorio fra Romagna e Marche, come luogo d'incontro di civiltà, al confine fra l'Italia padana e quella peninsulare: il mare, su cui la valle si affaccia con approdi accoglienti, è foriero di influssi portati dai mercanti che giungono dai lidi d'Oriente.

Un mosaico di scoperte archeologiche disegna il tessuto del popolamento dai monti alla costa, intrecciandosi con elementi della leggenda e della tradizione che velano di mistero la storia del luogo.

Dai primi insediamenti, sorti in funzione dello sfruttamento delle risorse ambientali o di necessità difensive, il racconto si snoda a cogliere i tratti, più complessi, dell'occupazione romana che viene ad interessare l'intera valle.

Vecchi scavi e più recenti ritrovamenti hanno consegnato una ricca documentazione di materiali inerenti la vita quotidiana, confluiti per la maggior parte nei Musei di Cattolica, Riccione e Rimini.

L'elevato tenore raggiunto nell'età romana imperiale da centri quali Cattolica e San Pietro in Cotto traspare dalla raffinatezza di alcuni oggetti quali vasellame pregiato, decorazioni parietali, sculture in marmo e bronzo.

Sfogliando queste pagine, il lettore potrà percorrere un lungo tratto del cammino della storia della valle, scoprendo, attraverso il ricco apparato fotografico, i segni tangibili delle più antiche civiltà: materiali in parte già noti oppure ancora inediti che ci è stato possibile presentare grazie alla disponibilità della Soprintendenza Archeologica dell'Emilia Romagna.